L’impatto delle rimesse dei migranti nello sviluppo dell’Africa

L’impatto delle rimesse dei migranti nello sviluppo dell’Africa

Nel 1989, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ha proclamato il 20 novembre come la Giornata dell’Industrializzazione dell’Africa, con l’obiettivo di coinvolgere attivamente la comunità internazionale per potenziare e facilitare l’industrializzazione nel continente africano.

Nel suo messaggio per le celebrazioni del 2010, il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki Moon ha dichiarato: “l’economia africana, come il resto dell’economia mondiale, continua a sentire l’impatto della crisi economica e finanziaria globale”, ma ha osservato anche che per beneficiare di un recupero, “il continente deve concentrarsi sull’industrializzazione come motore fondamentale della crescita economica e dello sviluppo”.

Attualmente, pur in un periodo di difficoltà economica per il mondo intero, la differenza tra l’economia del continente africano e quella mondiale rimane comunque sproporzionata. Inoltre la crisi finanziaria ha contratto le esportazioni dall’Africa, limitato l’aiuto esterno e rallentato il flusso di rimesse dagli africani emigrati.

In questo contesto l‘Associazione degli Amici d’Africa, per la celebrazione della Giornata dell’industrializzazione dell’Africa di questo anno, organizza la tavola rotonda con il tema “L’impatto delle rimesse dei migranti per lo sviluppo dell’Africa”. L’evento si svolgerà presso il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, il giovedì 24 novembre, alle ore 18, nell’ambito della mostra Turin Earth – Città e nuove emigrazione”.

Il filo conduttore dell’evento è quello di riflettere sul ruolo che gli africani che vivono in Africa e quelli della diaspora potranno svolgere nella promozione dello sviluppo industriale del continente, perché questo sviluppo, in quanto realizzato autonomamente, può essere più duraturo. Questo vale ancora di più in un momento in cui gli attori coinvolti nella cooperazione internazionale allo sviluppo e i governi degli Stati più ricchi si trovano in difficoltà nel rispettare gli impegni assunti nei confronti del gruppo di paesi meno avanzati e faticano a raggiungere gli “Obiettivi del Millennio” proposti per il 2015.
L’obiettivo è quello di offrire un’occasione di riflessione sull’Africa che cerca le soluzioni per i suoi diversi problemi, per cui le rimesse, nonostante i loro limiti, si presentano come uno strumento di crescita e progresso ideale e sostenibile.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI !

Giovedì 24 Novembre 2011– Tavola Rotonda
Tema: L’impatto delle rimesse dei migranti per lo sviluppo dell’Africa

Ore: 18.00

Dove: Museo Diffuso della Resistenza, Deportazione, Guerra, Diritti Libertà

           Corso Valdocco 4/A Torino

Nell’ambito di:

Con il sostegno di:

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s